QUESTO SITO FA USO DI COOKIE PER MIGLIORARE L'ESPERIENZA UTENTE -OK -LEGGY LA PRIVACY-


Ascoltaci

ORA IN ONDA : -

 

 


LIVE TV


Programmi

9.00 - 12.00
l'informazione con Catia.

18.30 - 19.30
le interviste di Franz Collini


Seguici su facebook


Fatti Sentire!


Scarica l'APP per il tuo smartphone o tablet

  


Scarica l'app per Windows


Suonerie


Seguici su Instagram


RADIO CENTRALE TRA POCHI MESI COMPIRA' 40 ANNI!!


Dedicata a Eugenio Valzania l'antenna di Rimini                               

 

 

 

 

 

Il mistero della radio mi ha sempre affascinato sin da bambino; salivo sui tetti  e sognavo, curioso osservavo e cercavo  di capire il mistero di quelle antenne  che portavano  i suoni e le immagini da tanto lontano, il mistero delle trasmissioni, allora per me tanto bello quanto incomprensibile.

 Mosso dalla curiosità  iniziai a giocare,  a costruire trasmettitori ma, a quel tempo,   era severamente vietato; era addirittura reato punito con l'arresto, parole e concetti molto pesanti e per me molto difficili da capire con l'innocenza dell'infanzia.

 Lo spirito ribelle dell'adolescenza, la curiosità e il desiderio di vincere il mistero che mi dominava e mi costringeva  a farlo ugualmente; nel mio immaginario, nella cantina, mi sentivo come quei giovani del Risorgimento che si riunivano nelle carbonerie. Ero affascinato dai grandi eroi: Saffi, Garibaldi e nel mio piccolo mi sentivo di combattere un' ingiustizia e di iniziare un percorso di libertà, contro un oppressore monopolista !!

Arrivò il 1975, appena maggiorenne, dopo avere "posseduto" il mistero scoperto da Marconi,  decisi di far parte di  quei gruppi di persone, di quel movimento di pensiero che decise di infrangere la legge apertamente  per combattere qualche cosa di grande per quanto ingiusto:

la Rai aveva il monopolio  e lo Stato  era l'esclusivo detentore delle trasmissioni radio.

Con  il coraggio proprio  dell' adolescenza, contro qualche cosa molto più grande di noi,

iniziammo le  trasmissioni i primi mesi del 1976, totalmente illegali in sedi anonime ( tanto mi ricordavano la carboneria ),cambiando spesso anche nome per non essere identificati  e nel  luglio la Corte Costituzionale, a cui fu sottoposto il fenomeno, DICHIARO' ILLEGITTIMO IL MONOPOLIO RAI e da allora fu  "demolito il muro" e iniziò la nostra storia che ancora vive con lo stesso entusiasmo di allora

 Una storia che ha visto muri e ostacoli: la " modernità non fu subito accettata dalle Istituzioni, una storia che ancora vive dopo 40 anni, che più volte ci ha visto protagonisti nelle aule giudiziarie per difendere il nostro diritto .

  Ci sono voluti quarant' anni per far rispettare la  sentenza della Corte Costituzionale e applicare la Legge dello Stato, quarant' anni contro un' assurda e ignorante burocrazia che ancora resiste.

 Nel luglio 2013 si e' ottenuta l' autorizzazione all'antenna di Monte Scudo ( altre sono ancora in attesa di autorizzazione), dopo un' annosa battaglia e scontri con tutte le Amministrazioni, per avere un diritto  scritto nella Costituzione.

Per dare un significato di continuità e passare il testimone, la nostra storia e  il simbolo dell'art. 21 che oggi fiero sembra toccare il cielo, l'ho  voluto dedicare ad un eroe  cesenate del Risorgimento, Eugenio Valzania, a me particolarmente caro, per avere combattuto contro l'oppressione del dominio temporale della Chiesa in Romagna, nel periodo risorgimentale.

 

Franco Botta

 

 









Commenti