QUESTO SITO FA USO DI COOKIE PER MIGLIORARE L'ESPERIENZA UTENTE -OK -LEGGY LA PRIVACY-


Ascoltaci

ORA IN ONDA : -

 

 


LIVE TV


Programmi

9.00 - 12.00
l'informazione con Catia.

18.30 - 19.30
le interviste di Franz Collini


Seguici su facebook


Fatti Sentire!


Scarica l'APP per il tuo smartphone o tablet

  


Scarica l'app per Windows


Suonerie


Seguici su Instagram


Ultime notizie .....BABBO NATALE NON ESISTE !!!


Mia figlia  frequenta la scuola elementare Saffi di Cesena,ieri è venuta casa con il volantino pubblicitario di un distributore d’acqua ed un gettone blu che non ha  saputo spiegare bene cosa fosse ......
 
               Ogni volta che capita un uso strumentale e pubblicitario all’interno della scuola esprimo il mio dissenso 
non è  giusto usare i bambini quali veicoli pubblicitari  ......
 
Non avevo ben capito ma quale lettore del giornale  la Voce  ho trovato  spiegazione
nell’articolo apparso sul quotidiano  anche se non pensavo che il fatto potesse destare tanta attenzione, ma almeno ho capito che cos’ e’ il gettone blu ;trattasi di 20 litri acqua omaggio...
 
Leggendo  l’articolo purtroppo  il  fatto mi e’ apparso ancora piu’ grave e paradossale :
grave per la distribuzione in una scuola di materiale pubblicitario in orario di lezione ,
paradossale perché si vorrebbe far passare una evidente manovra pubblicitaria
come un regalo ..ai bimbi !!!!mi par troppo ...da esperto della comunicazione .
Ma quale regalo ......l’unico regalo se l’ e’ fatto l’abile commerciante il suo volantino in 500 famiglie per incuriosire l’acquisto offendo alcuni litri di acqua omaggio !!!!
 
 
La pubblicita’ mascherata da generoso regalo ’ e’ la peggiore delle forme di ipocrisia che ho sempre condannato alla quale  non mi ci voglio abituare.
E’ forse troppo chiedere che mia figlia quando viene a casa da scuola non mi porti materiale pubblicitario che le e’ stato consegnato all’interno dell’istituto in orario lezione !!
 
Mi piacerebbe ora anche capire se ha avuto consenso e approvazione dei dirigenti scolastici oltre all’interesse dei media di cui non afferro il significato della notizia ?
 
E’ lo stesso principio  degli album di figurine in omaggio con il primo pacchetto
tutto va bene se nella logica del commercio e se viene fatto fuori dall’ambiente scolastico e senza strumentalizzare e usare scuole e bimbi !!
 
Se invece si da enfasi come un generoso regalo  stona un po’ troppo  e indigna il buon senso
almeno il mio perche’ di regalo non si tratta se non per se stessi....
 
Se qualche genitore  vuol essere generoso o fare regalie  , puo’ inviare alla scuola  una somma di danaro per acquistare beni necessari e utili
per fini didattici  quali carta matite che si sa mancano  cosi da evitare i mercatini della vendita di giocattoli ;
 
di acqua alla scuola Saffi non mi pare ci sia  bisogno !! a casa mia ancora esce dal rubinetto e non abbiamo bisogno di un buono 20 litri acqua valore un euro  ..che se solo dovessimo mettere in moto l’auto per andarla a ritirare spenderemmo molto di piu’ di un euro dando anche un contributo significativo alle polveri sottili di Cesena !!
 
 
Nell’articolo precedente abbiamo parlato della pubblicita’  negli ospedali e oggi di pubblicita’ nelle scuole, prossimamente parleremo dei negozi che fanno vendite speciali con percentuali per i  terremotati :
un anticipo ....
siamo sicuri che non sia un altra forma di iposcrisia per vendere di piu’  ? o apparire bravi e buoni con le alucce pronte per il paradiso ?  non potrebbero destinare una somma dei propri incassi  senza farne manifesti giganti o forse coi manifesti giganti vien da pensare che si possa anche vendere di piu’ .....e non vado oltre ....
 
                 Per me esiste una sola forma di pubblicita’ : quella che si paga ed e’ fuori da certi ambienti senza approfittare di luoghi ,persone,circostanze o avvenimenti
non credo nei regali   e ho smesso da tempo purtroppo anche di credere a Babbo Natale .
   
                 Per me esiste  una sola forma di solidarieta’ e beneficienza ;fare bene il proprio dovere e lavoro e chi e’ particolarmente altruista e generoso puo’ fare   un assegno e consegnarlo ad Ente di fiducia o direttamente a chi ritiene  bisogno e magari,se puo’, lo tenga segreto per elevare il significato del gesto  e non poter pensare di averlo fatto per essere ringraziato o avere l’altrui consenso   ;
chi puo’ porti il proprio camper ai terremotati ,o li vada a proporre il proprio contributo diretto.......ma le svendite , le cene , le gare a farsi vedere ....
forse aprono le porte paradiso............ma io preferisco l’inferno perche’ forse solo li  incontrero’ chi fa queste riflessioni ...
 fb
 
 








Commenti